CAROSELLO

23/02/2004

Quest’anno la Rai celebra i suoi primi 50 anni di attività e noi lo vedremmo attraverso diversi eventi che saranno offerti al pubblico sia attraverso il piccolo schermo che grazie allo svolgimento di diversi eventi come “Dreams” la mostra presentata attualmente a Milano dal 17 febbraio. 
L’avventura della pubblicità televisiva incomincia il 3 febbraio 1957, quando appare “Carosello” che stava per diventare un vero e proprio fenomeno di cultura e di società. Chi non si ricorda, le mamme che dicevano: “dopo Carosello vai ai letto”? Chi non si ricorda del teatrino che apriva ogni sera le sue tendine che lasciare entrare in casa il piccolo mondo delle pubblicità? A proposito quel teatrino era stato creato da Luciano Emmer e la musica che lo accompagnava era di Raffaele Gervasio. 
Le marionette e i burattini furono parte integrante del pubblicità televisive. La marionetta più famosa è stata “Carmensita” realizzata nel 1967 dal pubblicista torinese Armando Testa per il caffè Paulista. Realizzata con la tecnica del passo uno i piccoli cartoni animati erano vere e proprie storie, assolutamente divertenti. 
Chi vuole rivedere quelle marionette e burattini si può visitare la mostra “Dreams” nella palazzo della Triennale di Milano. Il catalogo della mostra è disponibile presso la Bruno Mondatori con una ricca introduzione redatta dal curatore della mostra Gianni Canova. 
Sempre a proposito della pubblicità anni ’60 sono disponibili in libreria “il grande libro di Carosello” di Marco Giusti, edizione Frassinelli. Del 1996, “Carosello 1957-1977, non è vero che tutto fa brodo” edizione RAI, sempre di Marco Giusti.

Albert Bagno