Successo del Bread & Puppet Theater

03/12/2003

Successo del Bread & Puppet Theater a Milano
Dal 21-26 Ottobre 2003 la prestigiosa e famosissima compagnia americana di Peter Schumann ha prodotto “The Oratorio of the Possibilitarians” con la partecipazione di artisti e giovani italiani. Questo progetto speciale era promosso dall’ETI e dal CRT di Milano.
Era da ben dodici anni che un opera di Schumann non era presentata a Milano), (ultima apparizione Dicembre 1989 - Gennaio 1990 con " La rivolta della Fiera" all’ Ansaldo) Peter Schumann, regista e coreografo americano, con la sua famosa compagnia fondata nel 1963, THE BREAD AND PUPPET THEATER.
La compagnia, oltre ad essere una delle storiche compagnie teatrali statunitensi no profit e autofinanziate, è famosa in tutto il mondo per i suoi pupazzi di cartapesta creati durante i laboratori teatrali e per incentrare il proprio lavoro su temi sociali, politici, ambientali e di conseguenza sui maggiori problemi della vita umana, caratterizzando i suoi lavori come veri e propri manifesti del teatro socio-politico.
" The Oratorio of Possibilitarians", lo spettacolo che è stato presentato al pubblico milanese per l’inaugurazione della stagione, all’interno di un progetto nato dalla collaborazione fra il CRT Centro di Ricerca per il Teatro di Milano e l’ETI Ente Teatrale Italiano, si basa sull’ultimo lavoro dell’autore americano Joel Kovel, "Il Nemico della Natura", prendendo le mosse dall’originaria condizione umana nel paradiso terrestre per arrivare ai giorni nostri e al cuore della globalizzazione, concludendosi con la creazione di una nuova piattaforma politica, quella dei Possibilitari appunto.
Alla messa in scena dello spettacolo parteciperà un nutrito gruppo di volontari, che si affiancherà ai "burattinai" del Bread and Puppet nel muovere grandi pupazzi, suonare ed agire in grandi azioni di gruppo.

Albert Bagno