HOME
INDICE
ACQUISTI

Elenco Aziende - AziendeSubito.it

reperti fossili archeologici archeologia paleontologia
Il Museo Paleontologico e Archeologico "Virginio Caccia"
di San Colombano al Lambro (Mi), è una struttura comunale di carattere culturale; l'attività svolta è di natura prevalentemente didattica e divulgativa.
Le collezioni dei reperti fossili ed archeologici qui conservate, sono un eccezionale ausilio alla conoscenza delle origini e della storia di questo "unico" fenomeno naturale padano, qual è il Colle di San Colombano.
Il materiale in esposizione permette una piacevole ed affascinante - e sotto alcuni aspetti sbalorditiva - lettura dell'evoluzione e delle vicissitudini che dalla notte dei tempi si sono alternate fino ai giorni nostri.
LA STORIA
Consapevole dell'importanza scientifica e storica della propria collezione, nel 1927 ne fece dono al Comune. Disposta in apposite bacheche fu ospitata nella sala del Consiglio Comunale. Successivamente i reperti furono collocati nei corridoi della Scuola Elementare dove vi rimasero fino al 1965. Poi, per ragioni di studio, nel 1966 i fossili furono consegnati all'Università di Pavia. L'Ateneo pavese li conservò per tredici anni, nel marzo 1979 iniziò la graduale restituzione.
La determinazione della Maestra Bianca Belli Panigada, con l'assistenza del prof. Giacomo Anfossi, docente di Paleontologia dei vertebrati presso l'Università di Pavia, il Museo iniziò l'allestimento nell'attuale sede.
Nel settembre 1980 venne inaugurato nella disposizione
MUSEO
PALEONTOLOGICO
E
ARCHEOLOGICO


VIRGINIO CACCIA

come è visibile oggi, l'Amministrazione comunale lo volle dedicare al dott. Virginio Caccia. La singolarità geografica e geologica del Colle di San Colombano ha sempre interessato ricercatori scientifici e semplici appassionati di geologia, paleontologia ed archeologia. Il documento più antico sullo studio del "Colle" di cui abbiamo notizia, è datato 1784, ne è autore Severino Volta che con il più famoso fratello, Alessandro, erano docenti presso l'Università di Pavia.
L'abbondanza e la particolarità dei reperti elessero il Colle di San Colombano a "laboratorio" naturale. Dal XVIII secolo ad oggi, il "Colle" fu meta dei più autorevoli studiosi e ricercatiri del settore.
Molti reperti qui raccolti hanno arricchito collezioni pubbliche e private (214 "pezzi" raccolti a San Colombano compongono la collezione dei Molluschi marini pliocenici del Museo di Storia Naturale di Milano).
Fu appunto da una collezione privata che prese corpo la costituzione di un Museo a San Colombano. L'idea balenò al dott. Virginio Caccia, dentista, figlio dell'amministratore dei beni di Casa Belgiojoso, appassionato conoscitore e raccoglitore di tutto ciò che di particolare affiorava dagli scavi effettuati in collina. Il dott. Caccia, avvalendosi della collaborazione dei docenti dell'Università di Pavia e degli esperti della Società Italiana di Scienze Naturali di Milano, classificò pezzo dopo pezzo tutti i reperti in suo possesso.

San Colombano al Lambro - MI
Palazzo Comunale -
Via Giuseppe Monti, 47
Apertura
lunedì, mercoledì, e giovedì:
dalle 8.30 alle 13.00
e dalle 14.30 alle 16.30
martedì, venerdì e sabato
dalle 8.30 alle 12.00
Domenica e festivi: su prenotazione
Tel. 0371-2931
Ogni prima domenica del mese
(da marzo ad ottobre, escluso agosto)
in accordo con la "Pro Loco" è presente una guida della Società Italiana di Scienze Naturali.
Scrivici

.