Elenco Aziende - AziendeSubito.it

livraga
il museo del lavoro povero e della civiltÓ contadina

Museo del lavoro povero
e della civiltà contadina
Ricerca, raccolta e catalogazione
a cura di Mazzocchi Achille e Bertolotti Carla

PRESENTAZIONE

il museo del lavoro povero e della civiltÓ contadina

Presentazione

Dove siamo - orari

I mestieri

Il Catalogo

Le iniziative

La biblioteca

Scrivici

Il museo del lavoro povero e della civiltà contadina nasce per la salvaguardia e per la valorizzazione del patrimonio culturale contadino; é stato allestito aII'interno della ex stalla bovini della cascina S. Croce. Su uno spazio espositivo di circa 700 mq. sono raccolti oltre 3000 pezzi. Gli oggetti più disparati, dal più semplice al più complesso, gli utensili dei mestieri un tempo utilizzati nel lavoro agricolo e nella vita domestica, testimonianza di usi e costumi legati in particolare al passato rurale del territorio lodigiano.

museo civiltà contadina
il museo del lavoro povero e della civiltÓ contadina

Le esposizioni costituiscono un utile strumento per la didattica della scuola, a disposizione degli insegnanti e degli studenti. Oggetti a volte curiosi e rari raccolti con tanta pazienza. Ogni attrezzo é denominato in Italiano e anche in dialetto per ricomporne l'immagine attraverso la memoria linguistica e illustrato da disegni e da varie didascalie. Vi sono poi ricostruzioni di ambienti rurali e botteghe artigiane. (diorami)

 

utensili artigiani
il museo del lavoro povero e della civiltÓ contadina
il torchio
il museo del lavoro povero e della civiltÓ contadina

Nel locale del museo, che può accogliere fino a 100 persone, vengono allestite mostre di vario genere. E' inoltre possibile la proiezione di filmati e audiovisivi. La biblioteca del museo ha a disposizione documentazioni relative a: breve storia dell'agricoltura in Italia. Agricoltura e lavoro contadino. Il carro agricolo lodigiano e lombardo, aratri lodigiani, libri vari.
Affiancano l'attività del museo particolari iniziative che vengono svolte durante l'anno, quali la dimostrazione di trebbiatura del mais e la pigiatura tradizionale dell'uva.

Il percorso di visita consente inoltre di osservare alcuni interessanti manufatti quali: i porticati ed il fienile caratteristici dei cascinali della bassa. la "tromba" dell'acqua funzionante a mano. l'abbeveratoio in cemento il letamaio la vecchia pesa a ponte il locale "laboratorio" per la riparazione ed il recupero degli oggetti in precario stato di conservazione. il "Silos" per la conservazione dei cereali e dei foraggi la stalla per i cavalli (el stalin) Il lavoro di ricerca, raccolta e catalogazione dei materiali e' stato fatto da Mazzocchi Achille e Bertolotti Carla impegnati da alcuni anni in questa attività, l'allestimento espositivo é stato realizzato con la collaborazione degli amici del museo.
pompa abbeveratoio
il museo del lavoro povero e della civiltÓ contadina

museo contadino
il museo del lavoro povero e della civiltÓ contadina

Il passato di Livraga é la storia di una comunità, di gruppi di famiglie che lavoravano i campi lungo una antica strada dell'impero romano (la vecchia Romea) nei pressi di un fiume, il Lambro, che in passato era una importante via di comunicazione, Livraga fu per secoli un piccolo borgo di gente, per lo più contadina, che viveva attorno alla Chiesa di San Bassiano dove grazie alla Confraternita della Santissima Trinità, hanno potuto trovare accoglienza molti pellegrini che percorrevano la via Romea. Il territorio fu feudo del Vescovo di Lodi e poi dei Conti Cavazzi di Somaglia.
In seguito divenne centro operoso di lavorazione dei prodotti della terra (latterie e caseifici) e poi luogo di botteghe artigiane. Oggi la pianura é fertile ed irrigua e in essa si possono osservare le tipiche cascine lombarde dove si producono foraggio, frumento, mais, soia, riso. Sviluppato é l'allevamento di bestiame con un'ottima produzione di latte e formaggi. Sulle moltissime rogge si trovano dei vecchi mulini ad acqua dove ancora si avverte l'atmosfera della ormai lontana civiltà contadina.
il museo del lavoro povero e della civiltÓ contadina