Riso in Cagnone (Ris in Cagnon)

23/11/2012

 

Buongiorno Amici Golosi, oggi vi propongo questa semplice ricetta, un classico della cucina milanese :)

Al solo sentire il profumo, mi ritorna in mente quando ero gargiullo... essi che quando ho scoperto il significato del nome, ho schifato non poco ;) Cagnon, in Milanese, vuol dire cagnotto, larva... si chiama così perchè il riso si presenta come... be, avete capito no? :) lasciamo correre se no vi scappa la fame.

Divagazioni a parte, questa preparazione, è anche molto utile per imparare a cuocere il risono in modo alternativo, morbidissimo e delizioso.

Incominciamo!

 

Come sempre, ecco quello che vi serve :)

 

 

- 400gr di Riso Vialone Nano

- 100gr di ottimo Burro

- 100gr di parmigiano grattuggiato

- Sale, Salvia e Aglio

 

Iniziamo a mettere a bollire abbondante acqua in una casseruola:

 

Mette il riso nello scolapasta e lavatelo sotto acqua corrente per un paio di minuti...

... deve essere bello pulito, l'acqua deve scorrere via limpida:

Quando l'acqua nella casseruola arriva a bollore aggiungete un cucchiaio raso di sale grosso:

Calate il riso e da quando riprende il bollore calcolate cinque minuti:

Scolatelo sempre nello stesso colapasta...

... e rimette sul fuoco la stessa casseruola con circa 2,5 dl di acqua:

Quando riprende bollore, abbassate (basta che sobbolle appena), aggiunge salvia e rosmarino (serve per dare al riso un profumo sopraffino):

Mettete lo scolapasta (con dentro il riso ;) sopra la casseruola, coprite con un coperchio, e fate cuocere al vapore per circa 8-10 minuti (dipende che grado di cottura preferite):

Nel frattempo mettete una padella su fuoco molto basso, e fate fondere il burro:

Aggiungete la salvia (mia nonna ci metteva solo 4 foglie, io abbondo :)

In ultimo mette l'aglio, schiacciato ma non spellato (a me non piace molto, uso quello liofilizzato, che da un aroma molto più leggero):

Passaggio finale! Mette il riso cotto in una pirofila:

Eliminate salvia e aglio (o filtrate come faccio io), e condite il riso:

Infine aggiungete il parmigiano grattugiato:

Mescolate bene bene:

Pronto! Decorate con qualche fogliolina i salvia e servitelo in piatti scaldati un poco al forno :)

Mauro Corbetta di Approdo.eu