One Piece Unlimited Cruise 1: Il Tesoro Sommerso

03/03/2011

Il successo del fumetto One Piece è indiscutibile, visto che riesce ad affascinare, commuovere ma soprattutto a far ridere milioni di persone nel mondo.
Oltre al manga, alla serie animata, ai film e ai gadgets, era perciò ovvio che One Piece meritasse anche una buona schiera di videogames. Dopo One Piece: Unlimited Adventure (titolo per Wii rimasto confinato in America e Giappone), finalmente nel 2009 la serie arriva in Italia con One Piece Unlimited Cruise 1: Il Tesoro Sommerso, disponibile per la console ammiraglia della Nintendo.
Ma saranno tutte rose e fiori?

UN TESORO SOMMERSO

L'avventura inizia durante una tempesta. La nave Thousand Sunny è in balia delle onde ma il capitano Rufy  (o Rubber, secondo il cartone animato trasmesso in TV) riesce comunque a scorgere in lontananza uno strano bagliore. Con l’aiuto della sua ciurma (un amabile gruppo composto da Nami la bella ladra, Chopper la renna dottore, Usop il cecchino fifone, Franky il cyborg tuttofare, Roronoa Zoro l'incredibile spadaccino a tre spade, Sanji il cuoco, Nico Robin dalle mille mani e Brook il musicista teschio) una volta raggiunta scopriamo che la misteriosa luce altro non è che una sfera dotata di vita propria, capace di generare un prezioso tesoro. 
Prima di mettere le mani sul bottino occorrerà però affrontare le insidie nascoste su quattro isole apparse dal nulla, unite al centro da un’enorme albero ricoperto da rami simili a tentacoli.

VOGLIO DIVENTARE IL RE DEI PIRATI

One Piece Unlimited Cruise 1: Il Tesoro Sommerso si presenta come un action-game condito con piccoli elementi tipici dei GDR, puzzle solving e con una buona dose di minigiochi (dalla pesca alla cattura di insetti con trappole e retino) che serviranno a sbloccare tutto l'armamentario e tutte le abilità della nostra ciurma di vivaci pirati.
Il sistema di controllo, al contrario di quanto ci si potrebbe aspettare, non viene affidato totalmente ai sensori di movimento, ma semplicemente alla pressione dei tasti e allo scuotimento del controller.
Un sistema molto semplificato che si padroneggia in pochi attimi.
Purtroppo l'intelligenza artificiale dei nemici si attesta su livelli medio bassi e spesso ci ritroveremo a distruggere ondate di avversari con lunghe e noiose sessioni di button-smashing (pressione furiosa dai tasti del pad) casuali.
Discorso inverso per i Boss di fine livello che risultano abbastanza variegati e con alcuni picchi di difficoltà.
Infine troveremo anche la modalità “Battle” che ci permetterà di affrontare senza interruzione tutti i nemici presenti nel gioco.

IL CONTRIBUTO DEL MAESTRO

Grazie alla collaborazione di Eiichiro Oda (ideatore del fumetto) il carisma dell’originale One Piece è qui riprodotto fedelmente, in maniera speciale e viva. Sul ponte della nostra nave potremo infatti  assistere a spassose scenette di vita quotidiana della ciurma, con i loro battibecchi e le loro assurde battute.

Impeccabile la realizzazione dei protagonisti e dei Boss, ricca di particolari e fedele nel ricreare non solo le fattezze ma anche i vari movimenti e le mosse speciali. I nemici comuni, anche se poco vari e ripetitivi, sono ben realizzati e integrati.
Discorso diverso per gli scenari che, seppur dotati di un level design non completamente sottotono, risultano spogli e con texture a bassa risoluzone.

Mirko Di Pasquale di gamesearch.it
Leggi l'articolo originale su www.gamesearch.it