F1 2010

09/02/2011

Fino ad oggi, i giochi con licenza ufficiale FIA (Federazione Internazionale dell'Automobile) ancora non avevano varcato la soglia dell’alta definizione. Dopo aver però dimostrato di saper ottenere ottimi risultati con titoli come Grid, la serie di TOCA e Colin McRae DiRT, i ragazzi di Codemasters hanno ricevuto l’incarico di sviluppare il nuovissimo F1 2010, disponibile per PlayStation 3 (versione provata), Xbox 360 e PC.

LA STRADA VERSO IL SUCCESSO

Il cuore battente di F1 2010 è la modalità Carriera, dove fin da subito potremo scegliere se fare un po’ di gavetta partendo dai team minori (come Lotus o Toro Rosso), o se intraprendere una sezione di tre anni a fianco delle maggiori squadre quali Ferrari o McLaren.

Prima di cominciare ci ritroveremo però in una sala gremita di giornalisti dove dovremo rispondere a una serie di domande per dar vita al nostro alter-ego digitale.

Effettuate tutte le scelte verremo trasportati nel paddock del circuito di Bahrain, per l’occasione trasformato in un menù da cui, oltre alle diverse opzioni, è possibile accedere alla nostra roulotte. Qui troveremo un computer portatile dove riceveremo nuovi contratti, notizie dal team e dal nostro manager.

La modalità Carriera presenta un sistema di crescita del nostro pilota affidato ai punti esperienza, ottenibili completando particolari obbiettivi (piuttosto vari e ben bilanciati) come ad esempio raggiungere un podio o una posizione migliore rispetto a un determinato avversario. Ovviamente più punti accumuleremo e più velocemente avanzeremo nella strada che ci separa dal guidare le più famose monoposto.

F1 2010 si dimostra adatto anche per chi non ha la possibilità di affrontare lunghe sezioni di gioco: in pochi secondi potremo scendere in pista per rivivere un intero week-end di corse (dalle prove libere del Venerdì al Gran Premio della Domenica) oppure per cimentarsi solo nelle prove a tempo o in una gara veloce. Ottima la modalità multiplayer che ci permette di partecipare a gare rapide o complete, con la possibilità di modificare diverse impostazioni tra cui i pit-stop, il circuito in cui correre o il numero di giri.

GUIDA SIMULATIVA O ARCADE?

Il titolo di Codemasters si presenta con un sistema di guida decisamente simulativo ma non esasperante. Bisogna infatti tener conto che per una persona non addetta ai lavori, guidare una monoposto potrebbe risultare decisamente complicato e frustrante; senza qualche compromesso un eccessivo realismo nella guida avrebbe portato F1 2010 ad essere apprezzato soltanto da pochi eletti.

Per i giocatori più intrepidi e per chi proprio non vuole rinunciare al realismo, dalle opzioni è comunque possibile disattivare gli “aiuti”, così da poter gestire autonomamente l’ingresso e l’uscita in curva, il corretto punto di frenata, il sorpasso bruciante degli avversari nonché molti altri parametri.

Mirko Di Pasquale di gamesearch.it
Leggi l'articolo originale su www.gamesearch.it