Tom Clancy's EndWar

17/02/2010

Negli ultimi anni i videogiochi su licenza Tom Clancy ci hanno fatto vivere le vicende di eroi intenti a impedire diversi atti terroristici e conseguenti catastrofi planetarie. Questa volta le cose vanno diversamente: EndWar è un RTS che ci catapulta subito all’interno di un ipotetico terzo conflitto mondiale in cui si scontrano gli Stati Uniti d’America, la Russia e i nuovi Stati Uniti D’Europa.
La vicenda si apre nel 2016 quando la fine del petrolio e il terrorismo nucleare portano le tre super-potenze a una serie di incomprensioni e scontri.
Nelle prime missioni, che fungono da tutorial, affronteremo battaglie al comando di ciascuna fazione in modo da scoprire i vari intrighi e complotti che hanno portato all’inevitabile guerra.
Solamente al termine di questo preludio avremo modo di scegliere da quale parte stare e decidere così le sorti dell’intero pianeta.

SCACCO MATTO!

Tom Clancy’s EndWar darà libero sfogo allo stratega che è in noi; per quanto riguarda la campagna single player il livello di sfida risulta ben calibrato (in particolare in modalità esperto). Seguendo uno schema a turni in stile Risiko dovremo scegliere con attenzione se attaccare e conquistare i territori nemici, o se invece difendere i nostri possedimenti sotto assedio.
Una volta scesi sul campo di battaglia scateneremo l’inferno con un esercito composto da carri armati, fanteria, elicotteri  e tutto il necessario per schiacciare l’ avversario.
Essendo uno strategico toccherà ovviamente a noi decidere quando e dove muovere le diverse truppe, per ingaggiare o meno i combattimenti che si risolveranno secondi regole ben precise del tipo: elicottero batte carro armato, carro armato batte veicolo da trasporto, veicolo da trasporto batte elicottero.

Fortunatamente per rendere le battaglie più varie e interessanti, a seconda delle missioni, avremo anche a disposizione diversi attacchi speciali quali l’invio di veloci e letali caccia bombardieri o l’uso di particolari impulsi magnetici capaci di distruggere le stazioni radio nemiche; come se ciò non bastasse alla fazione che per prima risulterà in netto svantaggio verrà concessa la possibilità di utilizzare le armi di distruzione di massa che, se usate nel modo corretto, potranno cambiare così le sorti dello scontro.
Al termine di ogni missione saremo premiati con punti esperienza e diversi crediti da spendere nella caserma per migliorare le qualità di offesa, difesa e velocità del nostro esercito.

Continua...

Emanuele Cabrini di gamesearch.it
Leggi l'articolo originale su www.gamesearch.it