The Secret of Monkey Island

16/11/2010

Nel 1990 uno strano ragazzo si mette in testa di diventare un "Temibile pirata" ma pur avendo un'incredibile capacità polmonare (riesce a trattenere il respiro per ben dieci minuti!) chiunque gli sconsiglia di continuare la sua ricerca. Ad ogni modo il ragazzo non si fa intimorire e prosegue dritto per la sua strada.

Ovviamente stiamo parlando di Guybrush Threepwood, personaggio nato da un' idea di Ron Gilbert, Tim Schafer e Dave Grossman con il supporto delle magiche matite di Steve Purcell.

Questo piccolo gruppo, sotto la supervisione della LucasFilm (diventata poi LucasArts), produrrà una delle più sensazionali e indimenticabili avventure grafiche di tutti i tempi.

Nel Profondo dei Caraibi… l’Isola di Melèe

Come dicevamo The Secret Of Monkey Island inizia con la ricerca del "modo" per diventare un pirata. Il primo passo consiste nel superare le “Tre Prove" che ci vengono proposte da un trio di Capitani nello Scumm Bar.

Da qui in poi l’avventura ci porterà a cacciare tesori, sfidare maestri nell'arte del “Combattimento ad Insulti con la Spada” (con frasi del tipo: “molto appropriato”, “combatti come una mucca!”, scritte da Orson Scott Card, autore dei libri di fantascienza del Ciclo di Ender), bere il Grog e sfidare uno dei più carismatici “malvagi” della storia dei videogiochi: il Pirata Fantasma LeChuck che, innamorato follemente della bellissima governatrice Elaine Marley, tiene in pugno tutti i pirati con il terrore e la sua ciurma fantasma.

Toccherà a noi porre fine alle sue gesta con un lungo viaggio che ci porterà ad approdare sulle spiagge della misteriosa e "quasi" inesplorata Monkey Island.

L'avventura presenta una storia condita di comicità e una serie di personaggi con sfaccettature caratteriali che portano a comporre una trama incredibile, capace di stupire in ogni momento.

Io sono la gomma, tu la colla

Sarebbe una bugia dire che The Secret of Monkey Island rimarrebbe un capolavoro senza lo SCUMM (Script Creation Utility for Maniac Mansion) un’ applicazione creata per semplificare lo sviluppo dell'avventura grafica Maniac Mansion.

Questo sistema ci permette di utilizzare vari verbi per far interagire Guybrush con tutto ciò che è "identificabile" nel gioco; potremo infatti provare a fare qualsiasi cosa (tra le scelte possibili, ben dodici) sia con gli oggetti disponibili nell'inventario sia con i bizzarri personaggi che incontreremo nel corso dell‘avventura.

L'interfaccia elimina totalmente i problemi legati alla limitazione delle azioni, permettendo al giocatore di sbizzarrirsi in scelte improbabili, spesso ripagate da scenette spassose che ci permetteranno di progredire nella trama (citiamo solo una pentola e un cannone...)

Mi chiamo Guybrush Threepwood e voglio fare il pompiere

Altro elemento fondamentale è il carisma estetico e narrativo che pervade tutta l'opera.

Graficamente l'accostamento di tavole realistiche (nei primi piani dei personaggi) a elementi più semplificati (ma ricchi di particolari) negli scenari, rende a pieni voti l'atmosfera piratesca/comica del prodotto.

Ogni volta si che si vedono i disegni di The Secret of Monkey Island si rimane di stucco per la loro complessità e per lo stile unico creato con una manciata di pixel colorati.

Eccezionali anche le animazioni che riescono a non dare mai la sensazione di artificiale.

Le tracce sonore (composte da Michael Land) sono spesso ispirate al Reggae con l'uso di percussioni, xilofoni, basso e riescono a rendere, insieme ai suoni ambientali, un incredibile varietà e unicità a tutto il gioco. E' proprio il caso di dire che la colonna sonora è indimenticabile.

Edizioni

The Secret of Monkey Island fu originariamente rilasciato per Atari ST, Macintosh, Personal Computer e Amiga (con arrangiamento musicale da parte di Chris Hülsbeck).

Un’ ulteriore versione PC è datata giugno 1992: questa volta in CD-Rom, sfruttava tracce audio ed utilizzava una versione aggiornata dell'interfaccia grafica con la riduzione dei verbi da dodici a nove (eliminandone tre poco usati), con l’aggiunta delle icone per gli oggetti nell'inventario. Questa versione sarà poi convertita per FM Towns e Sega Mega-CD.

Mirko Di Pasquale di gamesearch.it
Leggi l'articolo originale su www.gamesearch.it