Starfox Advetures

16/02/2010

La squadra di Fox McCloud e compagni arriva su Nintendo GameCube con una grossa novità: questa volta infatti non si tratta più di uno shooter in tre dimensioni ma bensì di un titolo d’azione, piattaforme e condito con qualche enigma. Questo può essere senza dubbio un ottimo biglietto da visita ma riuscirà il gioco a  convincere nonostante il cambio di rotta? Scopriamolo insieme…

JURASSIC PARK ADVENTURES

Dopo aver ricevuto una richiesta di soccorso, il nostro eroe dalla pelliccia arancione sbarca nelle verdi lande di Dinosaur Planet dove ben presto viene a sapere che un perfido generale di nome Scales ha rubato alcuni artefatti sacri, seminando panico e distruzione.

Aiutato dai suoi storici compagni (Peppy Hare, Slippy Toad, il Generale Pepper) e da un cucciolo di Triceratopo (Tricky), Fox dovrà girare in lungo e in largo nel tentativo di recuperare le prodigiose reliquie e salvare così il pianeta dalla distruzione.

Da questo riassunto si evince subito che dal punto di vista narrativo gli sviluppatori non si sono sforzati un gran che, proponendoci una trama scontata (con tanto di giovane pulzella da salvare) già vista e rivista in numerosi altri videogiochi.

Purtroppo dobbiamo dire che questa sensazione di deja-vu pervade quasi tutta l’avventura, non solo nella trama ma anche nell’azione di gioco, talvolta ripetitiva e monotona (come ad esempio il fatto di dover ripercorrere più volte a piedi lo stesso lungo percorso semplicemente per tornare indietro al villaggio).

Una nota di demerito anche per i combattimenti: i nemici sono talmente semplici da affrontare (basta premere a caso il pulsante “A” per sconfiggere chiunque) da renderli solamente un noioso grattacapo lungo il nostro cammino. Un pizzico di strategia in più non avrebbe certo guastato.

Discorso a parte per i (pochi) boss, dove per avere la meglio bisogna invece armarsi di un briciolo di tempismo ed ingegno.

Come citato precedentemente, Fox non sarà da solo ma potrà avvalersi anche della collaborazione di un giovane cucciolo di triceratopo che, a parte darci una mano per raggiungere luoghi altrimenti inaccessibili, ci continuerà a chiedere cibo rendendosi talvolta insopportabile.

Il senso dell’esplorazione ricreato dal gioco ci spinge comunque ad andare avanti, ma solamente verso la fine dell’avventura Starfox Adventures sembra improvvisamente risvegliarsi proponendo qualche situazione abbastanza divertente e qualche enigma interessante.

Continua...

Emanuele Cabrini di gamesearch.it
Leggi l'articolo originale su www.gamesearch.it