Golden Axe 2

09/04/2013

Ok, per questo Amarcord hai bisogno di wiki perché proprio non ti viene in mente di averlo mai visto in sala giochi. Ok potrebbe ma ti pareva strano, e infatti leggi, con una punta di soddisfazione, che sia questo seguito che il successivo vennero creati dalla Sega solo per il nero Megadrive.

La trama... volete proprio sapere? Ok, ammetto che io sono solo un guerrafondaio e ogni scusa e buona per menare lo spadone. Fatto sta che i tre valorosi guerrieri Ax Battler - il barbaro, Flare - l'amazzone e Gilius - il nano, dopo aver fatto il culo a strisce a Death Adder, se ne stavano in panciolle, ma dopo alcuni anni di pace, le forze del male, che non sono state a grattarsi, lanciano una nuova sfida ai tre. E si ricomincia.

Non faccio in tempo a caricare il gioco, selezionare il fidato Barbaro - proprio perché comandare la femmina, anche se gnagna, non se ne parla, e il nano ti sta antipatico - e in meno di un'ora mi sono mangiato i sette livelli di gioco.

A ripensarci bene non mi tornano due conti. La grafica come me la ricordavo è anche meglio. Forse perché ho giocato un casino troppo al primo capitolo - e avere il cabinato in casa la dice lunga - gli eroi e villains sono ricchi di dettagli e meglio animati, i fondali disegnati egregiamente e sono modo molto ispirati. Anche le musiche, sebbene non grandiose come il primo, ancora esaltano l'azione e non annoiano mai.

E visto che non hai niente da fare, ci fai un altro giro. Sinceramente non sai che servono i tre livelli di difficoltà, se già a "normale" è stata una passeggiata - e non che tu sei proprio un campione - non guardi neanche l'opzione easy e ti lanci a livello Hard.

E ora va un po meglio, gli sgherri più cattivi, mi fanno apprezzare meglio le nuove mosse, utile la possibilità di selezionare quante ampolle magiche usare. Per la cronaca Ax ha il potere del vento, la gnagna sempre i suoi cattivissimi dragoni, e il nanetto ha lasciato a casa fulmini e saette in cambio di sassi e frane.

Poi guardi l'orologio e nonostante il paio di mazzate in più che hai elargito, sempre quell'oretta scarsa ti è bastata per finire l'avventura.

Eppure eppure non è che mi è dispiaciuto. Forse troppo simile alla prima ascia dorata, forse non derivando da un coin-op è stato filato di meno, forse è uscito in in periodo che il megadrive rullava di brutto e sfornava grandi giochi a raffica... eppure a me, come a suo tempo, Golden Axe 2 mi è piaciuto. Un videogioco da riscoprire, senza pretese, ma per quel che dura diverte.

E basta. Dai, mi faccio un altro giro, sempre con Ax...

Mauro Corbetta di Approdo.eu
Leggi l'articolo originale su www.approdo.eu