HOME
CERCA
ACQUISTI

Elenco Aziende - AziendeSubito.it

. associazione di cultura ecologicacentro educazione ambientale fluviale

centro educazione ambientale fluviale

Perché è scomparso il piacere della lentezza?

Dove mai sono finiti i perdigiorno di un tempo?

Dove sono quegli eroi sfaccendati delle canzoni popolari,

quei vagabondi che vanno a zonzo da un mulino all'altro

e dormono sotto le stelle?.


Milan Kundera - "La lentezza"
..

...

le buone idee viaggiano lente...

Homechi siamo le originiper iscriversi dove trovarcicontattaci

Il bradipo per il WWF

La proposta educativa

I nostri progetti

La rassegna stampa

Comunicati

bradipo express

n. 4 - dicembre 2003

Eccoci ritornati cari sostenitori del bradipo, dopo il nostro privatissimo black out. Infatti per oltre due mesi la nostra attività informatica è rimasta bloccata impedendoci di comunicare con voi.
Intanto siamo arrivati al Natale duemilatre. Molti sulla tavola porteranno il pollo e allora gustatevi l’articolo che lo riguarda ( vi assicuro che è tutto vero) e fateci sapere se qualcun altro ha notato simili follie nelle presentazioni delle merci che ci circondano. Insomma è Natale, mangeremo comunque il pollo ma tira aria di recessione e nessuno vuole dire una volta per tutte che forse è meglio smettere di consumare completamente questo pianeta. Abbiamo fatto due conti nelle nostre tasche e, sorpresa sorpresa, guardate quanto ci costano dieci anni della nostra indispensabile automobile. Non ci volevamo credere. per chiudere un bell'articolo con qualche consiglio per allietare il Natale anche ai nostri amici uccelli.
Infine…
Ah dimenticavo, l’anno sperimentale sta finendo quindi dal 2004 riceveranno la news soli i soci, gli altri si dovranno accontentare di questa sintesi. AUGURI

L’asimmetria del petto di pollo
Lo sapevo già che il distacco tra l’uomo e la natura ha raggiunto limiti inaspettati.
Eppure i modi in cui questa distanza si manifesta riescono a sorprenderci ogni volta.
Non basta più abbandonare la metropoli per venire ad abitare in campagna e organizzare poi crociate per continue disinfestazioni da qualsivoglia essere vivente, che naturalmente abita con noi, oppure piastrellare tutto il giardino per impedire al più piccolo rospo di nascondersi nell’erba o all’innocente topolino di restare a distanza di sicurezza dalla scopa dell’intimidita casalinga di città.
Non basta più nemmeno surriscaldare il clima sparando aria calda all’esterno per difendersi all’interno con potenti condizionatori.
Ora ci si mette anche l’informazione alla clientela.
Da tempo negli ambienti ecologici si sapeva che molti bambini pensano che le patatine crescano sugli alberi in formato bastoncino, che il latte sia una bevanda prodotta nelle fabbriche, che le rane siano un’invenzione dei documentari naturalistici e dubitano sulla provenienza delle uova di gallina. Mai mi sarei aspettato però di trovare su una confezione di petti di pollo, acquistata in un supermercato italiano e destinata quindi ad adulti, la seguente scritta “si informano i clienti che la disomogeneità delle fette dipende dalla forma anatomica del petto di pollo”.
L’azienda si scusa quasi con il cliente non avendo potuto fornire delle fette di carne bianca simmetriche, con la stessa circonferenza e lo stesso raggio. Ci si è messa la natura matrigna che ha disegnato il petto di pollo con la sua tipica forma irregolare, per cui le fette sono diverse tra loro e diverse da una confezione all’altra. Mi immagino quali possano essere le reazione del consumatore: da chi, vedendo ancora razzolare i polli in qualche corte di cascina non può far altro che sorridere a chi penserà, <<ma guarda devo servire agli ospiti delle fette di formato diverso. Che figura!>> Ma non temete qualcuno starà già progettando un pollo dal torace cubico per risolvere il grave problema e fornire fette con lo stesso lato e l’identico perimetro.
- Cristoforo Vecchietti -

Iniziative e novità
Il bradipo è stato invitato dalla biblioteca e dall’assessorato all’ecologia di Massalengo al convegno “L’Acqua: 2003 anno internazionale dell’acqua”. L’iniziativa si è tenuta il 16 novembre. Come bradipo abbiamo presentato una relazione intitolata “Da secoli vicini all’acqua” dedicata al rapporto uomo-acqua nel Lodigiano.. Con il prossimo anno stiamo preparando una serie di iniziative per i soci. Non mancherà naturalmente il già classico cineforum.

Ma che buono il panettone!
Quando arriva l’inverno gli animali selvatici incontrano grandi difficoltà a procurarsi il cibo. C’è chi, come l’orso, va in letargo fino all’arrivo della bella stagione e chi, come gli uccelli, si arrangia come può. Perché allora non aiutarli, dando loro da mangiare? Già, ma cosa mangiano gli uccelli? Per scoprirlo, basta osservare i loro becchi: quelli sottili, si pensi al pettirosso, indicano una dieta insettivora, quelli più robusti, come nel caso del comune passero, una dieta granivora. Ma in inverno sia gli insetti che i semi scarseggiano, e allora le sorprese non mancano…Abito al quinto piano di un condominio in città, un luogo non certo adatto alla fauna selvatica, eppure ogni inverno mi fanno visita tanti graditi ospiti alati. Nel tentativo di trovare sempre qualcosa di saporito per loro, ho scoperto che il pettirosso va pazzo per il panettone! Le vivaci cinciallegre, invece, sono bravissime ad aprire i semi di girasole. Li sistemano fra le zampette, colpiscono col becco fino a dividere il seme in due e poi banchettano con il grasso contenuto. Qualche anno fa è successo che, da alcuni semi abbandonati integri nei vasi, si sono sviluppati i girasoli: grazie cince, siete anche delle brave giardiniere! I passeri sono più di bocca buona, anche se probabilmente i semi di miglio, niger, ravizzone ecc. sono i più adatti a loro. L’ultimo ospite di cui vorrei parlare è il codirosso spazzacamino, un bell’uccelletto color fuliggine, con il sottocoda rossiccio. Da qualche anno mi viene a trovare con la sua compagna, ma non l’ho mai visto mangiare. Ho provato a somministrargli semi e bacche selvatiche, ma non hanno riscosso successo. Su un libro ho letto che alcuni uccelli gradiscono anche la pastasciutta, che il codirosso sia fra questi? Proverò…
Un’ultima cosa. Se vivete come me in un condominio e chi abita sotto di voi si lamenta perché gli arrivano i resti del pasto degli amici pennuti, provate a spiegargli che vi state adoperando per una buona causa, magari, in futuro, prenderà esempio da voi!
- Erminia Mandarini -

Campagna adesioni
Cari soci sta partendo la campagna rinnovo tessere e nuove adesioni. Se quello che abbiamo realizzato vi è piaciuto fatevi vivi. La tessera ha gli stessi costi dello scorso anno:
- soci individuali 10 euro
- associazioni e ragazzi fino a 18 anni: 5 euro
- enti, aziende: 20 euro

Il bradipo dà i numeri
Il bradipo è lento, ma a volte si muove sull’automobile. Siccome è lento riflette e fa i conti.
E allora il bradipo da i numeri: quanto costa mantenere un’automobile?
Per prima cosa il bradipo ha un’utilitaria a marmitta catalitica. Il primo costo per poter circolare su un’automobile è l’assicurazione che come si sa è obbligatoria. Il bradipo va piano, non fa mai incidenti: costo annuo assicurazione € 466,00, suddivise in due brave rate.
Il bradipo è anche un buon contribuente: costo bollo annuale €. 143,45. Ogni tanto il nostro tranquillo conducente va dal meccanico e fa fare il tagliando, ma qualche volta può capitare una vera e propria riparazione: costo medio annuo €. 250,00. Per muoversi la macchina bradipa mangia benzina verde: se ne scola tanti litri all’anno, per un totale di €. 857,00. Quando il bradipo va in città, deve parcheggiare bene per non prendere la multa. Così paga il parcheggio: circa €. 36,85 all’anno (ci credereste? Tiene perfino tutti gli scontrini dei parcheggi!)
Perciò, fatta la somma di tutto siamo già a 1.753,30 €. all’anno!
Ogni tanto il bradipo, anche se è ecologista e vuole risparmiare, deve far lavare la macchina: €. 5 per ogni stagione (è fuori discussione che il bradipo sprechi risorse), totale annuo €. 20,00.
Quando va in vacanza prende a volte l’autostrada: pedaggio medio €. 20,00
Il bradipo non tiene il vezzo delle foderine, del deodorante (la sua auto puzza ed è lurida!) dei gadget, che reputa spese voluttuarie e del tutto superflue. Però alla sicurezza ci tiene, ogni tanto fa guardare le gomme e le cambia quando è necessario: totale €. 160,00 ogni cinque anni (320,00 €. in dieci anni).
Inoltre ha cambiato la batteria una volta in dieci anni: €. 50,00. Ah! Ogni due anni provvede alla revisione di legge: €. 60,00 per ogni volta, totale in dieci anni €. 300,00.
Siccome il bradipo non è uno sprecone, la macchina la usa fino a che non scoppia: minimo 10 anni. Ipotizzando molto allegramente che in un decennio il nostro governo sia talmente bravo che riesca a non far lievitare i prezzi, i costi annui rimarranno invariati: per dieci anni il bradipo motorizzato avrà speso €. 18.603,00!
Ovviamente costo auto escluso: quanto costa ora un’utilitaria che cammini? Diciotto milioni, ovvero novemila euro circa.
In totale dopo l’acquisto dell’auto e dieci anni d’uso il bradipo ha speso €. 27.603,00 !
Alla fine della sua vita il nostro automobilista-ecologista cerca di vendere il catorcio per non far crescere la discarica. Cosa riesce ad intascare? 500 euro oppure lo sconto per la prossima macchina!
E pensare che il bradipo non ha ancora tenuto conto di quanta gente ha intossicato con il suo gas di scarico, mentre guidava…e quanto tempo lento e prezioso ha perso e fatto perdere in code interminabili!
Compito per le vacanze. Sostituire negli spazi bianchi le vostre specifiche: calcolate quanto vi costa muovervi a quattro ruote. Aspettiamo una risposta! Se volete mandateci i vostri schemi compilati o il vostro parere. Apriremo un bell’approfondimento sul tema.
- Anna Rizzi -

COSTI DIUN ANNO D'USO DELL'AUTO

ASSICURAZIONE

BOLLO

BENZINA

€. alla settimana X n. 54 settimane

oppure

Km effettuati : media Km/litro X costo benzina/litro

MECCANICO – costo medio annuo

PARCHEGGI

PEDAGGI

LAVAGGI

COSTI UNA TANTUM

GADGET, COMFORT

MULTE

GOMMISTA n. volte in 10 anni

BATTERIA n. volte in 10 anni

RINNOVO PATENTE

(in 10 anni vi capita almeno una volta!)

REVISIONI BIENNALI n. 5 volte in dieci anni

COSTO AUTO

TOTALE COSTI UNA TANTUM

CALCOLO COSTO COMPLESSIVO DELL’AUTO IN 10 ANNI

COSTO AUTO ALL’ANNO X 10 anni

COSTI UNA TANTUM

TOTALE COSTO AUTO IN DIECI ANNI

____________________________

Il bradipo
associazione di cultura ecologica
Via Paolo Borsellino, 50
26866 Castiraga Vidardo (LO)
tel / fax: 0371 935168
mkuvec@tin.it

inizio pagina

vermicario zona umida